Come mai il cioccolato è così tanto gradito? O meglio, come mai spesso provoca una vera e propria dipendenza?
L’ingrediente base è sempre il cacao, a differenti concentrazioni, pianta esotica avvolta da leggende e misteri. L’imperatore azteco Montezuma lo assumeva sotto forma di bevanda prima di coricarsi con le mogli, i semi erano usati come propizio per i defunti e spesso anche come merce di scambio. Ad oggi sappiamo che Theobroma cacao è sicuramente uno degli alimenti più ricchi sia dal punto di vista dei principi che contiene, sia per il soddisfacimento che garantisce. La gratificazione che si cela dietro al consumo di cioccolato è dovuta ad una serie di sostanze fra cui l’anandamide, la dopamina e la serotonina, che insieme inviano segnali scatenando quello che viene chiamato “circolo del piacere”. In questo modo il nostro cervello registra una situazione soddisfacente e piacevole che tenterà di ripetere successivamente.
I benefici del cacao, oltre che una cura per l’anima, sono rivolti anche al sistema cardiovascolare infatti si registrano miglioramenti nella funzionalità vasale. È stato addirittura studiato che il cacao favorisce l’elasticità cutanea e la protezione dai raggi solari. Insomma dolcezza e benessere caratterizzano il cioccolato e non è un caso che sia proprio questo il protagonista della festa degli innamorati. Perciò concediamoci un momento di piccola estasi, magari con la persona che amiamo, senza paura di perdere la linea!
Pur essendo un alimento abbastanza calorico, il cacao è ricco di acidi grassi contenuti nel burro di cacao, che però sembrano esser del tutto innocui rispetto ai livelli di colesterolo cattivo! Ormai è risaputo che anche in una dieta ipocalorica un pezzetto di cioccolato, possibilmente fondente e con una buona percentuale di cacao, non rende vani i sacrifici di un regime alimentare equilibrato. Vere e proprie proprietà dimagranti non ce ne sono, se non per l’azione lipolitica effettuata dai recettori β-3 stimolati dalla teobromina presente nel cacao. Scuramente però inserire questa prelibatezza nella dieta aiuta mente e cuore! L’importante è non confondere il cioccolato con il suo ingrediente principale, il cacao. Il primo rappresenta un alimento amato da tutti ma che va assunto con moderazione, è invece il secondo a possedere importanti proprietà.

Curiosità: è stata scoperta una specie particolare di Theobroma cacao con la cabossa caratterizzata da una colorazione rossastra. Durante il processo di macinatura si ottiene una polvere rossa che poi, mescolata con il burro di cacao durante la fase di miscelazione, produrrá un cioccolato rosa! Ebbene sì, un cioccolato privo di coloranti artificiali o ingredienti additivi, del tutto naturale, con una colorazione che fa sorridere gli occhi e soprattutto il cuore. Il sapore è leggermente più acidulo rispetto al cioccolato normale, meno dolce e simile ad un gusto fruttato. Per quanto riguarda le proprietà, ancora non ci sono studi che segnalano differenze particolari con il classico cacao comune.